#ImpiantoTrasparente2, i controlli: acque sotterranee e superficiali monitorate costantemente

#ImpiantoTrasparente2, i controlli: acque sotterranee e superficiali monitorate costantemente

Nella prima puntata di #ImpiantoTrasparente abbiamo spiegato tutte le rigorose attività di accettazione dei conferimenti all’interno dell’impianto della Catanzaro Costruzioni. Ma il lavoro, ovviamente, è tutt’altro che terminato qui. Anzi! L’azienda, nel pieno rispetto delle normative di comparto e dell’ambiente, ha infatti un “Piano di Monitoraggio e Controllo” che appunto tiene sotto controllo tutti i fattori ambientali legati alla gestione tecnico-amministrativa della discarica che vi spiegheremo nei prossimi giorni

Acque sotterranee e superficiali: ecco tutti i controlli effettuati

Nell’area della discarica in gestione operativa, quella cioè dove vengono ancora abbancati i rifiuti, sono presenti sei pozzi “spia” in prossimità del perimetro e uno posto a monte della stessa in un’area fuori sito non interessata dall’attività della discarica (zona indisturbata). Sei i pozzi presenti anche nell’area della discarica in gestione “post operativa” (cioè quella ormai chiusa). Ma a che servono? La loro funzione è connessa alla necessità di monitorare una eventuale contaminazione del sottosuolo dovuta alla perdita di percolato dal corpo delle vasche. Attraverso questi pozzi si effettuano periodicamente dei prelievi qualora sia presente dell’acqua.

Le operazioni di verifica riguardano, ovviamente, anche le acque acque superficiali di ruscellamento o di suolo: al fine di individuare una eventuale contaminazione delle acque e dei suoli circostanti l’area occupata dall’impianto dovuta alla dispersione accidentale di percolato dovuta al malfunzionamento degli impianti di trattamento acque prima pioggia e dell’impianto di trattamento percolato ad osmosi inversa (su cui torneremo successivamente) vengono periodicamente effettuati i monitoraggi, prelevando e confrontando l’acqua che dovesse scorrere nei canali a monte e a valle della discarica.

Qualora questi siano secchi, si procederà ad effettuare campioni di terreno direttamente dall’alveo dei medesimi canali, al fine di valutarne eventuali differenze

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.