“Rifiuti, il piano per l’impiantistica del settore rispedito al mittente”, le nostre precisazioni a Repubblica.it

“Rifiuti, il piano per l’impiantistica del settore rispedito al mittente”, le nostre precisazioni a Repubblica.it

In relazione all’articolo “Rifiuti, il piano per l’impiantistica del settore rispedito al mittente con 20 osservazioni”, pubblicato oggi dal quotidiano on line Repubblica Palermo, riteniamo necessarie alcune precisazioni.

Secondo la rappresentazione del quotidiano, la commissione regionale Via-Vas avrebbe “rispedito al mittente” il progetto per la realizzazione di un nuovo impianto integrato che era stato presentato dalla nostra azienda. Va ricordato e chiarito innanzitutto, poiché non lo si desume dall’articolo pur non essendo un dettaglio di secondaria importanza, che il nostro progetto risale al 2017, e che pertanto abbiamo dovuto attendere “solo” fino al 31 gennaio 2020 prima che la Regione ci mettesse a conoscenza delle “osservazioni” che la Commissione VIA-VAS aveva formulato e alle quali abbiamo peraltro già risposto il 12 marzo scorso (43 giorni dopo la presentazione delle osservazioni).

Va precisato inoltre che l’impianto in questione non ha nulla a che fare con la discarica attualmente gestita dalla nostra società, in quanto si tratta, come confermano gli atti pubblicati sul sito della Regione, di un impianto di recupero e valorizzazione della raccolta differenziata dell’organico di cui la Regione siciliana è carente e la cui assenza costringe oggi i Comuni della provincia di Agrigento a inviare i propri rifiuti a centinaia di km con costi ambientali ed economici elevatissimi .

Ci preme da ultimo precisare che la formulazione di osservazioni fa parte della fisiologia di questo tipo di pratiche, come è facilmente riscontrabile dalle altre centinaia di fascicoli nelle stessa situazione che non vengono però citati nell’articolo.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.